2020: fotovoltaico senza incentivi

Written by
fotovoltaico-senza-incentivi

Nei prossimi 10 anni l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici diventerà competitiva tanto quanto le energie tradizionali.

L’European photovoltaic Industry association (Epia) ha realizzato uno studio focalizzandosi sul mercato del fotovoltaico in Germania, Italia, Francia, Spagna e Gran Bretagna in quanto mercati principali del settore fotovoltaico.

Tale studio, dal nome “Solar photovoltaics competing in the energy sector – On the road to competitiveness”, prevede che entro il 2020 i prezzi del fotovoltaico potrebbero scendere di un 50% qualora le politiche internazionali saranno adeguate.

In questo modo l’energia solare potrebbe diventare a tutti gli effetti un valido competitor anche dal punto di vista economico così da non necessitare più neanche degli incentivi.

Secondo l’Epia il settore fotovoltaico ha fatto un enorme passo in avanti negli ultimi anni determinando una riduzione dei costi d’installazione degli impianti.

Il presidente dell’associazione, Ingmar Wilhelm sostiene: “Già oggi, l’elettricità solare è più conveniente di quanto molti pensino, nei prossimi anni sarà ancora più conveniente grazie alla tecnologia in costante miglioramento e alle economie di scala”.

Occorre anche considerare che nel tempo aumenterà il prezzo dell’energia generata da fonti fossili rendendo il fotovoltaico la soluzione più risolutiva.

L’Epia ha stimato che il costo di produzione dell’energia fotovoltaica in Europa potrebbe passare dai 0,16-0,35 euro/kWh del 2010 a 0.08-0,18 euro del 2020 in relazione alle normative a all’andamento del mercato.

Per quanto riguarda la situazione italiana, questa potrebbe essere ancora migliore in quanto l’equivalenza di prezzo tra l’energia solare e quella derivante da fonti tradizionali potrebbe essere raggiunta in un arco temporale di 2 o 3 anni.

L’industria fotovoltaica deve essere costantemente aiutata dalle leggi governative: è proprio grazie agli incentivi statali che il settore fotovoltaico ha raggiunto il livello attuale consentendo una riduzione dei costi.

Fonte originale dell’articolo

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title