A Vicenza la prima isola energetica per lo stoccaggio di energia

Written by
fotovoltaico

Più volte, parlando di energie rinnovabili, abbiamo posto l’accento su un aspetto che viene spesso sottovalutato dai più: mi riferisco all’aleatorietà di alcune di queste fonti energetiche (fotovoltaico, solare ed eolico) e quindi all’impossibilità di poter programmare l’immissione in rete dell’elettricità prodotta.

In riferimento a ciò mi sembra interessante segnalarvi un nuovo progetto di ricerca e sviluppo tecnologico che la società vicentina Fiamm ha presentato qualche giorno fa e che rientra nell’ambito delle tecnologie green ed, in particolare, nello stoccaggio dell’energia prodotta da fonte rinnovabile.

Si tratta di una sperimentazione di “isola energetica”, ovvero di un impianto fotovoltaico associato a degli accumulatori al cloruro di nickel, studiati e perfezionati da FZ Sonick SA, società svizzera nata da un accordo siglato tra la Fiamm e l’azienda elvetica Mes-dea. La novità sta non tanto nell’impianto fotovoltaico quanto in queste batterie che offrirebbero interessanti opportunità di applicazione per l’accumulo di energia, avendo (stando ai primi test) già garantito delle ottime performance.

L’impianto è stato installato nel vicentino (ad Almisano di Lonigo) ed è, data la sua sperimentalità, non di grosse dimensioni: sarebbe infatti in grado di generare appena 200 mila kWh/anno, pari al consumo energetico annuo di circa 50 famiglie. L’obiettivo, dicono quelli della Fiamm, è testare il sistema in modo da dare nuove soluzioni alla discontinuità di produzione da fonti rinnovabili. Sarà importante quindi provare per un lungo periodo questi sistemi, concludono gli stessi, per valutare un’eventuale replicabilità su grande scala.

L’obiettivo è di quelli ambiziosi e come tale andrà seguito con attenzione; infatti la crescita delle fonti rinnovabili dovrà passare per forza di cose anche da quest’aspetto e non soltanto, come qualcuno sostiene, dall’aumento dell’efficienza delle tecnologie fotovoltaiche ed eoliche. Mettere finalmente a punto dei sistemi di stoccaggio capaci di rendere programmabili delle fonti aleatorie sarà la sfida del prossimo futuro, quella che forse più di altre permetterà l’allungo decisivo dell’energia solare ed eolica rispetto alle altre fonti tradizionali.

Via | Fiamm ; Edilone.it
Foto | Flickr

A Vicenza la prima isola energetica per lo stoccaggio di energia é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 18:42 di lunedì 11 luglio 2011.


Fonte Articolo

Article Categories:
Energy News

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title