Apolhya Solar: copolimero per il fotovoltaico

Written by
cella-solare

Arkema, leadership nel mercato internazionale, ha progettato un nuovo copolimero termoplastico “nanostrutturato”, Apolhya Solar, utilizzato per incapsulare le celle fotovoltaiche e proteggere gli elementi elettrici del pannello.

Il prodotto è stato presentato alla Photovoltaic Solar Energy ad Amburtgo (che si svolge nei giorni 5-9 Settembre).

Le caratteristiche di questo copolimero sono trasparenza, proprietà termomeccaniche, adesività al vetro, resistenza ai danni e tolleranza di una temperatura massima di 100-120°C.
La produzione non richiede enorme tempi di reticolazione e questo consente di ridurre i tempi di produzione rendendo il riciclo del pannello solare esausto più facile.

I polimeri sono diventati dei componenti chiave in molte parti del pannello solare.

L’etilene vinil acetato (EVA), Evatane, viene utilizzato per la sua trasparenza, resistenza all’ingiallimento e la perfetta adesione al vetro, per l’incapsulamento delle celle solari al silicio.

Arkema ha anche sviluppato degli specifici gradi di perossido organico che riducono ulteriormente i tempi d’indurimento dell’ EVA accelerando la produzione di pannelli solari contenenti questo polimero.

Il fluoropolimerio Kynar (PVDF) è utilizzato per produrre il backsheet del pannello; in un recente sviluppo messo a punto con la società tedesca Krempel, due film in Kynar rivestono un substrato realizzato in PET, originando così un backsheet multi-strato.

Kynar è altamente resistente alla temperatura, all’umidità e resiste molto bene ai raggi UV inoltre la sua colorazione bianca consente di riflettere la luce verso le celle.

Fonte originale dell’articolo

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title