Il Biologico piace agli Italiani

Written by
biologico italia

Dagli ultimi dati in Italia il consumo e la vendita di prodotti biologici sono notevolmente aumentati, segno che uno stile di vita sano sta divenendo una prerogativa per moltissimi italiani.

Inoltre, soprattutto in questo periodo, il biologico rappresenta anche una risposta alternativa e concreta alla crisi, una risposta che parla in via privilegiata ai giovani.

 I dati, infatti, confermano che nel 2011 il consumo domestico di prodotti bio è continuato a crescere, nonostante la crisi e in controtendenza con il resto dell’agroalimentare. E l’età media degli addetti agricoli aumenta costantemente, infatti gli agricoltori “biologici” sono consistentemente più giovani.

In Italia sono tantissime le aziende che hanno fatto del “bio” la loro ragion d’essere. Infatti dai primi dati del 2012 è emerso che sono i gruppi di acquisto solidale i protagonisti del settore.

All’avanguardia è la regione Umbria che non solo li riconosce ma soprattutto li tutela e li incentiva; infatti dati alla mano dal 2009 ad oggi sono cresciuto quasi del 50%.

Al secondo posto in questa speciale classifica troviamo la vendita diretta nelle aziende agricole che con oltre 2500 spacci vedono aumentare del 16% la loro quota di mercato rispetto a tre anni prima.

Solo un gradino più giù troviamo i negozi online di vendita di prodotti biologici, che cercano di instaurare un filo diretto con i consumatori finali.

A pari merito troviamo la ristorazione con un +17; a farla da traino sono le formule cosiddette “veloci” e meno costose come le caffetterie i bistrot ma anche le gelaterie ed i chioschi.

Infine in questa speciale classifica troviamo i Comuni che, nonostante cerchino di far quadrare i conti, sempre in numero maggiore stanno introducendo nelle mense scolastiche con menù biologici. Sono infatti più di 1,100 le mense scolastiche rilevate con un aumento rispetto all’anno 2009 di un +33%.

Gli unici a registrare il segno meno  sono i mercatini sempre più spesso soffocati dalla burocrazia e frenati comunque dalla presenza degli spacci aziendale nelle realtà agricole.

Chi adotta tali sistemi ha due obbiettivi, da un lato guidare il consumatore all’uso di prodotti sani, naturali e prive di sostanze chimiche, dall’altro ridurre l’impatto ambientale con pratiche eco – sostenibili, rispettando i cicli della terra, ma anche le acque e gli animali.

Ricordate che scegliere di mangiare biologico o di coltivare prodotti biologici, significa sia essere attenti alla qualità e alla naturalezza del cibo, sia essere responsabili eticamente.

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title