Centrali nucleari: il Governo fa marcia indietro

Written by
FUKUSHIMA-CENTRALE-NUCLEARE

Un emendamento del Governo inserito nel decreto all’esame del Senato,  blocca la realizzazione delle centrali nucleari per un periodo che supera la moratoria stabilita in seguito al disastro nucleare in Giappone verificatosi a causa del terremoto dell’undici marzo scorso.

La notizia ha suscitato la soddisfazione delle organizzazioni ambientaliste che chiedevano da tempo  un simile provvedimento. Con l’emendamento si sospendono tutti i programmi relativi alla costruzione delle centrali nucleari e si  bypassa la necessità del  referendum di giugno.

Ma il promotore della consultazione popolare sul tema delle centrali, Antonio di Pietro,  sostiene che per fermare il nucleare l’emendamento non serve, ma bisogna abolire la legge.

Il testo dell’emendamento precisa che non si procederà ad attuare i programmi di localizzazione, realizzazione e messa in funzione di impianti nucleari sul territorio nazionale fino a quando  non si saranno acquisite nuove informazioni scientifiche,  con il supporto dell’Agenzia nucleare, sulla sicurezza nucleare e sullo sviluppo di nuove tecnologie nel settore ed alla luce anche delle nuove decisioni che saranno prese dall’Unione Europea.

Il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha suggerito che dopo  il disastro di Fukushima bisognerebbe pensare a dei piani di finanziamento per le energie alternative. Lo scenario energetico nazionale,dunque, è in evoluzione e solo il tempo ci dirà quale settore sarà più valorizzato nel corso degli anni. Visti i tragici risultati del nucleare, si spera fortemente nel rinnovabile.

Fonte immagine: direttanews.it

Article Tags:
Article Categories:
Energy News

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title