Confindustria: l’efficienza energetica tra le 5 priorità per salvare il Paese

Written by
images

Progetto delle imprese per l’Italia  si intitola così, il documento di 17 pagine redatto da Confindustria, contenente le proposte di azioni da attivare immediatamente per salvare il paese dalla crisi.

Insieme a Confindustria, firmano il documento anche l’ABI, l’ANIA, l’Alleanza delle Cooperative Italiane e Rete Imprese Italia.

L’Italia si trova davanti ad un bivio. Può scegliere tra la strada delle riforme e della crescita in un contesto di stabilità dei conti pubblici o, viceversa, scivolare ineluttabilmente verso un declino economico e sociale.

Per questo le imprese hanno deciso di lanciare una proposta.

Proposta che si articola in cinque punti fondamentali.

– Spesa pubblica e riforma delle pensioni

− Riforma fiscale

− Cessioni del patrimonio pubblico

− Liberalizzazioni e semplificazioni

− Infrastrutture ed energia.

Ed a proposito, di energia e, quindi, di efficienza energetica, ecco cosa scrive Confindustria:

In tema di efficienza energetica e fonti rinnovabili devono essere salvaguardati gli obiettivi di efficienza (minimizzazione costi rispetto agli obiettivi) ed efficacia (policy stabile) anche rispetto agli obiettivi di crescita delle aziende italiane.

L’efficienza energetica è il pilastro portante della green economy italiana. È un settore in cui le nostre imprese sono già all’avanguardia e presentano una dimensione importante: il comparto associato all’efficienza energetica conta oggi oltre 400.000 aziende e oltre 3 milioni di occupati (incluso l’indotto).

La condizione fondamentale per la crescita è rappresentata dalla presenza di un framework normativo certo e stabile nel medio termine per assicurare la necessaria continuità sia ai soggetti che investono, sia all’industria fornitrice di prodotti ad alta efficienza e ai servizi connessi.

E queste le cose da fare subito:

– Prorogare l’attuale livello di incentivazione fiscale strutturalmente fino al 2020.

– Introdurre una normativa orientata a promuovere l’uso di standard tecnologici più efficienti in tutti i nuovi investimenti nel settore residenziale, terziario industriale e dei trasporti.

– Promuovere con campagne  informative diffuse comportamenti di consumo energetico responsabile.

 

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title