Conto Termico 2.0: protagoniste le Pompe di calore

Written by
pompe di calore

Dal 31 maggio 2016 sarà in vigore il Conto Termico 2.0. che regola il meccanismo di incentivazioni per l’istallazione di pompe di calore. Ma, di cosa parliamo nello specifico e quali sono da spese da affrontare per installare questo innovativo sistema di riscaldamento?

Le pompe di calore, che lavorano sfruttando diversi tipi di energia,  rappresentano una vera rivoluzione nelle tipologie di  sistema di riscaldamento tanto che,  se ben progettate, permettono di ridurre i consumi e abbattere le emissioni inquinanti. Tali sistemi sono studiati sia per rendere efficienti da un punto di vista energetico le nuove costruzioni, sia per adeguare i vecchi impianti tradizionali e riqualificarli per l’ottenimento dell’isolamento termico dell’edificio.

Il tipo di pompa di calore in genere consigliato per un’abitazione  è quello che sfrutta l’aria (più economico e più utilizzato) ma, altre fonti energetiche che si possono utilizzare sono il terreno, l’acqua e il calore di scarto. In questi secondi casi, l’installazione del sistema a pompe di calore diviene più complesso e oneroso.

Secondo un recente studio effettuato dai ricercatori di Energy E Strategy del Politecnico di Milano, i costi per l’installazione di pompe di calore si aggirano più o meno intorno seguenti cifre:

Pompe di calore aria-aria: sono le più economiche e semplici da installare e vanno da 250-300 euro a kW, fino a 7-800 € nelle installazioni più problematiche.

Pompe di calore acqua-acqua: hanno un prezzo maggiore in quanto bisogna aggiungere i costi di integrazione con l’impianto di riscaldamento, con un boiler o con un pozzo. I costi in questi casi si aggirano sui 300 a 900 euro a kW, mentre le geotermiche vanno da 800 a 1600-1700 euro a kW.

In linea di massima una pompa di calore aria-acqua da 10 kW, cioè una taglia adatta ad una villetta, può costare circa 5-6mila euro.

Ricordiamo però che, grazie al nuovo Conto Termico,  l’installazione diviene conveniente perché il costo dell’investimento si ammortizza nell’arco di 4-5 anni, e si ottiene un risparmio notevole sui consumi.

 

 

Article Categories:
Italia Rinnovabile

Comments are closed.

Menu Title