Factory Inspection anche per i pannelli fotovoltaici IBC SOLAR

Written by
ibc-solar

IBC SOLAR è un’azienda specializzata nel settore fotovoltaico ed offre una molteplicità di soluzioni diversificate per la generazione di energia elettrica dalla luce solare.

L’azienda ha concluso il processo di certificazione dei moduli fotovoltaici IBC PolySol TE, sia per il certificato di Ispezione di Fabbrica sia per l’etichettatura dei pannelli solari.

Il Factory Inspection è stato rilasciato dall’ente certificatore internazionale TÜV Rheinland il 2 settembre 2011 e tale certificato attesta il rispetto delle qualità del processo produttivo e dei materiali impiegati.

Dal 31 ottobre 2011, questa certificazione sarà indispensabile per ottenere una maggiorazione del 10% degli incentivi prevista al Quarto Conto Energia. Questa attestazione verrà conseguita solamente se la produzione è riconducibile per almeno il 60% all’interno dell’Unione Europea.

Il Factory Inspection garantisce il rispetto di tutti quei parametri stabiliti dal GSE e certifica che i lavori di stringatura delle celle solari, l’assemblaggio, la laminazione e i test elettrici avvengono in un paese membro dell’UE.

Il Certificato di Ispezione di Fabbrica ha l’obiettivo di attestare la provenienza da paesi dell’UE/SEE dei componenti dell’impianto (moduli, inverter e strutture) e riporta a tal scopo:

• il codice identificativo del sito produttivo e l’indirizzo completo, che dovrà essere riportato nell’etichetta nel modulo insieme al logo dell’ente di certificazione;
• la regola sequenziale, che consente di identificare il sito produttivo grazie al numero di serie del modulo;
• l’indicazione delle fasi del processo produttivo realizzate all’interno del sito stesso.

IBC SOLAR è tra le prime aziende ad applicare i criteri per l’etichettatura dei moduli fotovoltaici: i nuovi moduli IBC PolySol TE, presentano già le nuove etichette che riportano il logo TUV e il numero seriale che identifica la data di produzione, i materiali utilizzati per lo specifico modulo e la linea di produzione coinvolta.

Le etichette riportano inoltre la sigla identificativa del sito produttivo.

Fonte originale dell’articolo

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title