Il cocomero inesistente

Written by

Benissimo. Allora, supponete di volere un cocomero fresco a Natale. Non lo potete avere – da questo deducete che coltivare i cocomeri non serve a niente ed è un inutile spreco di quattrini. Lo stesso lo potete dire per piselli, fragole, radicchio e ogni possibile coltivazione stagionale: non serve a niente. Assurdo, vi pare? Le rinnovabili, chiaramente, sono variabili. Non si può avere energia fotovoltaica 24 ore su 24 sempre alla stessa potenza – è una cosa così ovvia che non vale nemmeno la pena di dirla. Ma nessuno dice che la rete elettrica si deve mandare soltanto a fotovoltaico; ci sono altre fonti rinnovabili che possono compensare quando il sole non brilla. Lo stesso, nessuno sostiene che uno possa campare mangiando solo cocomeri! Si suggerisce una dieta variata e una rete intelligente!

________________

Per curiosità, possiamo continuare l’analogia agro-energetica: il fotovoltaico è un frutto di stagione, buonissimo ma va mangiato subito perché sia al meglio. L’eolico è un po’ come i funghi freschi, in certi momenti ne trovi in abbondanza, in certi altri non trovi niente. L’idroelettrico è come le patate:  costano poco e le puoi tenere in dispensa a lungo. Il geotermico è come le sardine, le puoi pescare sempre. E, ovviamente, le batterie e altri mezzi di stoccaggio corrispondono ai frigoriferi e ai surgelatori.  L’energia fossile, invece, corrisponde a quelle diete sbilanciate che vi avvelenano piano piano, vi fanno diventare obesi, vi fanno venire il diabete e alla fine vi ammazzano. Il nucleare, corrisponde invece al fast-food; pesante da digerire e vi sembra che costi poco, ma non è vero! La fusione fredda, infine, è come quelle patatine fritte dei distributori automatici: ti sembra di mangiare qualcosa, ma in realtà non mangi niente.

 

Articolo Originale

Article Categories:
Energy News

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title