Energia gratis al porto di Genova

Written by
sorgenia_porto_genova

Il più importante porto d’Italia si sta adoperando per rendere sostenibile il proprio sistema di approvvigionamento energetico attraverso un progetto fascinosamente chiamato Tritone..come il mitologico dio del mare, che presume la esecuzione di una piattaforma galleggiante di 3 mila metri quadrati, in cui sarà generata energia bruciando i semi di Jathropha.

La Jathropha è una pianta velenosa natia del Brasile, conosciuta anche come la nocciolina delle Barbado, dai cui semi verrà ottenuto olio carburante dall’ingente potere energetico per sostentare la centrale. Le 50 mila tonnellate di semi l’anno indispensabili per il funzionamento della struttura arriveranno da una successione di piantagioni, lavorate da popolazione rurale secondo metri etici e sociali verificati da una società di aiuti internazionali.

Il progetto prevede inoltre l’impiego di energia eolica e solare: lungo la diga che congiungerà la piattaforma alla continente verranno difatti collocate delle pale eoliche di nuova concezione, disegnate dall’architetto genovese Renzo Piano, mentre sui tetti dei depositi verranno installati  impianti FV. Le navi che attraccheranno potranno pertanto avvalersi dell’energia elettrica pulita generata, allacciandosi ad adeguate “spine”.

Tritone, che verrà lanciato ufficialmente a Genova entro pochi giorni, è certamente un sistema temerario e complesso, che punta a dare una nuova  convenienza all’indotto portuale e ad essere probamente fotocopiato anche in altri porti italiani.

Fonte: Greenme.it

Aggiungi EnergyMaster.it ai tuoi preferiti!

Leggi articolo originale

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title