Il grafene e il fotovoltaico trasparente

Written by
graphene.

Il grafene è una molecola bidimensionale che proviene dalla semplice grafite (utilizzata per le matite) scoperta da due ricercatori russi che ci hanno vinto il premio Nobel per la fisica nel 2010.

I cristalli di grafite vengono trattati con una soluzione acida a base di acido solforoso e acido nitrico e successivamente vengono ossidati ed esfoliati fino ad ottenere dei cerchi di grafene con i gruppi carbossilici ai bordi.

Viene somministrato poi cloruro di tionile e queste molecole vengono trasformate in cloruri acilici e poi in ammidi. Il risultato che si ottiene sono dei cerchi di grafene solubile in tetraidrofurano, tetraclorometano e dicloroetano.

Il grafene potrebbe velocizzare la conduzione di elettricità.
E’ stato creato un prototipo di film sottile al grafene, che molto probabilmente potrà essere stampato trasparente e successivamente applicato alle celle solari e agli impianti fotovoltaici, incrementando in questo modo la loro efficienza energetica.

Questo materiale è bidimensionale, ha lo spessore di un atomo ed è un materiale fortissimo, addirittura più dell’acciaio.

L’aspettativa è che questo nuovo materiale possa incrementare notevolmente la sostenibilità ambientale, salvaguardando le risorse del pianeta.

Fonte originale dell’articolo

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title