La fusione fredda non è fusione nucleare!

Written by

La fusione fredda è uno degli argomenti più controversi della Fisica negli ultimi 20 anni e anche di più. Dall’annuncio di Fleischmann e Pons nel 1989, le idee su questo elusivo metodo per generare energia si sono susseguite in silenzio. Negli ultimi anni sono stati due Italiani, Rossi e Focardi, ad occuparsi di “fusione fredda”. Nel frattempo si è scoperto che la fusione fredda, propriamente detta, non esiste proprio! Facciamo un passo indietro è spieghiamo di cosa si sta parlando.

La fusione fredda non è fusione nucleare!

Le reazioni nucleari sono di due tipi:

1) Fissione nucleare, quando i nuclei atomici pesanti si “dividono” con emissione di energia.

2) Fusione nucleare, quando i nuclei atomici leggeri si “fondono”, sempre con emissione di energia.

In entrambi i casi la forza coinvolta è la cosiddetta “forza nucleare forte” (o anche “interazione forte”), una delle 4 interazioni fondamentali della Natura (le altre 3 sono: interazione elettromagnetica, interazione debole, interazione gravitazionale).

I fisici, sin dall’annuncio del 1989 di Fleischmann e Pons, hanno sempre avuto forti dubbi che la fusione fredda potesse avere luogo, perché completamente in disaccordo con le attuali teorie riguardanti l’interazione forte. E avevano perfettamente ragione! Nella “fusione fredda”, a quanto pare, non è coinvolta affatto la reazione di fusione, ma una forma particolare di interazione debole. Per questo motivo questo tipo di reazioni energetiche sono state battezzate LENR, cioè Low Energy Nuclear Reactions, in italiano Reazioni Nucleari a Bassa Energia.

Ad avere questa intuizione sono stati Widom e Larsen nel 2005. Secondo loro, le reazioni energetiche che si generavano, con grande difficoltà di riproducibilità sperimentale, erano interazioni deboli in perfetto accordo con il Modello Standard della meccanica quantistica. Ciò significava che non c’era bisogno di usare deuterio e palladio come, negli esperimenti antichi, ma si potevano usare anche l’idrogeno e il nichel (molto più facili da reperire).

Nel mese di gennaio del 2011 è arrivata la prima dimostrazione pubblica del dispositivo LENR, chiamato E-Cat, realizzato da Rossi e Focardi. Le dimostrazioni sono state ripetute a febbraio e a marzo. Nell’ultima di queste dimostrazioni per giorni una di questa celle del dispositivo E-Cat è andata avanti a produrre energia in un intervallo che va dai 10 ai 15 kilowatt. La cosa interessante è che hanno affermato che si tratta di interazione debole, non di fusione.

La fusione fredda non è fusione nucleare!

Per il momento Rossi e Focardi non hanno svelato i dettagli del funzionamento dell’E-Cat, perché stanno aspettando l’ottenimento del brevetto internazionale.

Riassumendo si può concludere che:

a) La “Fusione fredda” non è un meccanismo contemplato dal Modello Standard della meccanica quantistica, e non esiste.

b) Le reazioni esoenergetiche rilevate in numerosi esperimenti effettuati negli ultimi anni in effetti non erano affatto fusione fredda, ma un altro meccanismo in accordo con il Modello Standard, e cioè interazione debole.

c) Se il dispositivo E-Cat funziona davvero (e non è una bufala), potrebbe costituire una rivoluzione energetica che cambierebbe il futuro dell’umanità.

d) Ogni volta che gli scienziati dicono che “qualcosa non è in accordo con le attuali teorie” c’è sempre qualche ufologo-complottista-paranormalista che dice che gli scienziati hanno la mente chiusa e che tendono a mantenere lo status-quo o, ancora peggio, che c’è qualche multinazionale o qualche petroliere che tende a nascondere le scoperte riguardanti “l’energia infinita” perché altrimenti “loro” perderebbero il loro giro di affari. La vicenda della pseudo fusione fredda insegna che la fusione fredda NON esiste veramente e che i fenomeni osservati sono (probabilmente) spiegabili con un aspetto diverso del Modello Standard della meccanica quantistica.

e) La Nasa si sta interessando all’E-Cat di Rossi e Focardi (come possiamo leggere in questo articolo comparso su Focus). A differenza con la fusione fredda di Fleischmann e Pons, che fu “snobbata” da tutti, la LENR dell’E-Cat sembra fare gola persino alla NASA che intenderebbe usarla per alimentare le navicelle spaziali per le missioni umane su Marte. E se la cosa desta l’interesse della NASA, qualcosa di serio nell’E-Cat dovrebbe esserci La fusione fredda non è fusione nucleare!

Leggi anche:

La fusione fredda non è fusione nucleare!

Il post originale lo trovi quì

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title