La Grecia pronta a produrre energia pulita per la Germania con il progetto Helios

Written by
img

Se tra Grecia e Germania non potrebbe essere maggiore la distanza sul terreno dell’economia e dei conti pubblici, ben altro potrebbe essere il feeling tra i due paesi su quello delle energie pulite: il primo cerca infatti un’occasione per uscire dall’incubo della crisi e dalla paralisi in cui lo ha gettato un debito pubblico senza fondo.

Il secondo è invece alle prese con una rivoluzione energetica senza paragoni tra i paesi industrializzati, accelerata dalla decisione di abbandonare l’atomo entro il 2022. Un punto di incontro tra esigenze a prima vista incompatibili è offerto proprio dal Sole del paese mediterraneo, che potrebbe dare vita a un tandem tanto inaspettato quanto vincente.

Che si tratta di una prospettiva concreta, e non di una semplice ipotesi, lo dimostra un articolo apparso sul Ta Neà, il più diffuso quotidiano greco, che raccontava sabato di un progetto denominato ‘Helios’ (nome greco del sole) finalizzato a installare 20 mila ettari di parchi fotovoltaici (per un ammontare record di 10 GW) per produrre energia elettrica pulita da esportare in Germania.

Con un budget di 20 miliardi di euro, il programma potrebbe creare 60.000 posti di lavoro in un periodo in cui a causa della recessione la disoccupazione in Grecia ha raggiunto livelli record. Stando sempre al quotidiano, l’iniziativa è stata oggetto di un colloquio tra il ministro dell’Ambiente greco, George Papaconstantinou, e il viceministro dell’Economia tedesco, Stefan Kapferer.

Un’occasione per tornare sull’argomento sarà inoltre la visita del titolare del dicastero, Philipp Roesler, che sarà a sua volta in Grecia a ottobre per discutere della cooperazione tra i due paesi nelle energie rinnovabili finalizzato a dare seguito a un accordo siglato tra Atene e Berlino lo scorso marzo. Dal canto suo, Papaconstantinou ha annunciato che il Governo greco è già impegnato nella ricerca dei finanziamenti con alcune banche estere.

Procede intanto anche il progetto annunciato a gennaio dal premier greco in persona, George Papandreou, grande fautore dell’energia verde, per realizzare “il più grande parco fotovoltaico del mondo” su un’ex miniera di lignite nella città di Kozani, nella Macedonia occidentale. Costo stimato: 600 milioni di euro per una capacità complessiva di 200 MW. La compagnia elettrica statale Public Power Corporation (PPC) ha reso noto che organizzerà un bando internazionale per trovare un investitore strategico per il parco fotovoltaico, che dovrebbe sorgere su una superficie di ben 520 ettari.

Fonte: ZeroEmission.tv

Aggiungi EnergyMaster.it ai tuoi preferiti!

Leggi articolo originale
La Grecia pronta a produrre energia pulita per la Germania con il progetto Helios

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title