Londra e il ponte solare

Written by
londra.436x206

Ieri si sono aperti i cantieri per rendere la nuova stazione di Blackfriars il più grande ponte solare. Il viadotto che attraversa il Tamigi sarà ricoperto di 4.400 pannelli fotovoltaici che sono in grado di generare una potenza totale di 1.103 mW.

I pannelli solari saranno installati su una superficie di oltre 6.000 metri quadrati.

Secondo le stime, l’impianto sarà capace di produrre 900.000 kWh di energia elettrica all’anno, soddisfacendo per il 50% il fabbisogno energetico della stazione e consentendo una riduzione delle emissioni di CO2 di 511 tonnellate all’anno.

L’installazione di questo impianto solare rientra nel programma Thameslink della Network Rail, che ha l’obiettivo di incrementare i treni che attraversano Londra, nella tratta compresa tra Bedford e Brighton.

La londinese Solarcentury Holdings Limited (Solarcentury) si occuperà dell’ingegneria fotovoltaica e dell’installazione dell’impianto.

I moduli fotovoltaici che saranno utilizzato hanno il marchio SANYO.

Il direttore della divisione Solar di SANYO Component Europe GmbH, Shigeki Komatsu, ha commentato: “SANYO è orgogliosa di vedere i propri moduli HIT utilizzati nella riqualifica della stazione di Blackfriars. L’alta efficienza dei nostri moduli solari li rende ideali per le strutture in cui è richiesta una produzione di energia massima su di un’area dove il peso gioca un ruolo importante – ha sottolineato Shigeki Komatsu – Con i nostri moduli solari installati su questo edificio molto conosciuto, SANYO si augura di aumentare la consapevolezza nella cittadinanza dell’importanza della tecnologia solare e di altre energie rinnovabili, dimostrando come gli sviluppi in questa direzione possono aiutare l’ambiente delle metropoli e al contempo ridurre i cambiamenti climatici”.

Fonte originale dell’articolo

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title