Nanocristalli: un nuovo materiale per il fotovoltaico

Written by
img

L’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova ha raggiunto un ottimo risultato nel campo della generazione di materiali: nanocristalli in grado di auto-assemblarsi in strutture complesse potranno fornire una soluzione tecnologica all’industria energetica, in particolar modo a quella del fotovoltaico.

I nanocristalli presentano una forma a stella con 8 punte (ottopodi) e una volta immersi in miscele di solventi sono capaci di organizzarsi in modo autonomo nella trama di un nuovo materiale.
Liberato Manna, direttore del Dipartimento di Nanochimicha dell’IIT sostiene : “La formazione spontanea di strutture regolari è la legge che sta alla base della chimica della natura. Con questo lavoro mostriamo come specifiche strutture artificiali possono auto-organizzarsi in strutture più complesse”.
Questi nanocristalli infatti sembrano comportarsi come le proteine del collagene: quando assemblati i nanocristalli ottopodi si strutturano in un corpo centrale dal quale si diramano 8 braccia di una lunghezza nell’ordine dei nanometri.
Inizialmente due cristalli di uniscono e successivamente la nuova struttura permette agli altri nanocristalli di associarsi uno di seguito all’altro dando vita a delle catene.
Utilizzando degli appositi solventi le catena possono collegarsi tra di loro originando un materiale robusto e poroso.
I nanocristalli sono composti di cadmio e selenio, ma possono essere utilizzati anche elementi meno tossici come il rame e mantenere la caratteristica di autoassemblaggio.
Questa tecnologia è, al momento, in attesa di brevetto: saranno in grado di fornire un nuovo materiale per il fotovoltaico?

Fonte originale dell’articolo

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title