Prevista, per il 2030 una crescita del fotovoltaico

Written by
cs

Il 2030 si potrebbe ad arrivare ad un utilizzo di energia derivante del fotovoltaico pari al 13%. Sembra strano, considerato che oggi, nel 2016, parliamo solo di un 2% eppure questo è quanto predice l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena) in base a calcoli effettuati sul calo dei costi dell’industria dell’energia solare. L’agenzia stima che, nel 2030, l’energia prodotta dal sole sarà compresa tra i 1760 e i 2500 gigawatt (oggi solo 227 gigawatt). Alla grande espansione, farà seguito una drastica riduzione di immissione di anidride carbonica nell’atmosfera (attualmente, grazie al fotovoltaico, si sono evitati 300 milioni di tonnellate di CO2 all’anno) con un risparmio planetario di 3 miliardi di tonnellate di carbonio. “La domanda elettrica mondiale crescerà di oltre il 50% entro il 2030, per lo più nei Paesi emergenti e in via di sviluppo“, specifica il direttore generale di Irena, Adnan Z. Amin. “Per soddisfare questa domanda e al contempo realizzare gli obiettivi di sviluppo e sostenibilità, i governi devono attuare politiche che consentano al solare di raggiungere il suo pieno potenziale”.

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title