Primato dell’Italia nel fotovoltaico

Written by
img

Secondo Epia, l’associazione europea dell’industria fotovoltaica, l’Italia quest’anno supererà per la prima volta la Germania per capacità installata. È quanto emerso a PV Rome Mediterranean, il salone internazionale delle tecnologie fotovoltaiche per il Mediterraneo nell’ambito di ZeroEmission Rome.  Al terzo posto il mercato degli Stati Uniti, seguito dall’India, Giappone con la Cina al quinto posto”

Dopo il  superamento nei giorni scorsi del traguardo storico dei 10 GW di capacità fotovoltaica in esercizio con il Conto energia italiano, e con un ritmo di installazioni nella prima parte dell’anno superiore a quello della Germania, il nostro Paese si accingerebbe così a conquistare la leadership mondiale per capacità installata annua. Lo ha sottolineato Ingmar Wilhelm, presidente dell’associazione europea dell’industria fotovoltaica (Epia), intervenuto a un convegno sulle prospettive del fotovoltaico nell’ambito del PV Rome Mediterranean 2011. Nei prossimi anni, dunque, la fonte solare sarà sempre più conveniente e sarà raggiunta la piena competitività con le fonti fossili.

Le nuove normative hanno costituito il tema centrale dell’incontro nel quale sono stati sottolineati gli scenari nuovi e promettenti per il settore: la crescita degli impianti commerciali e il residenziale (tetti e facciate degli edifici). Per non arrestare la crescita serve però una stabilità normativa che attualmente non è garantita, se dall’agosto del 2010 all’agosto del 2011 ci sono stati ben sei interventi normativi che hanno modificato le regole del sistema e scoraggiato gli investimenti e l’ingresso nel mercato di grandi gruppi industriali.

Indispensabile quindi semplificare e omogeneizzare le procedure di autorizzazione, ma anche potenziare le infrastrutture di trasmissione dell’energia e spingere sulla creazione delle reti intelligenti per la gestione ottimale dell’energia prodotta dalle fonti rinnovabili.

Fonte: Alternativasostenibile.it

Aggiungi EnergyMaster.it ai tuoi preferiti!

Leggi articolo originale

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title