Riforma delle tariffe elettriche bocciata da Confartigianato

Written by
bolletta

Le associazioni delle rinnovabili italiane non condividono la riforma delle tariffe elettriche per gli utenti non domestici prevista dal decreto Milleproroghe e elaborata dall’AEEGSI. Le associazioni, infatti, contestano la decisione presa dall’Autorità per l’energia di premiare gli utenti che più consumano energia e penalizzare la produzione e l’autoconsumo di energia pulita. Le medesime critiche sono state condivise da Confartigianato che  ha denunciato come la riforma delle tariffe elettriche va a penalizzare le piccole e medie imprese per le quali, come avverte l’associazione degli artigiani, le  5 proposte dell’AEEGSI potrebbero comportare un aumento di costi di energia elettrica pari al 12%. Dal canto loro, anche ANIE Energia e Italia solare chiedono all’AEEGSI di scegliere un’ipotesi che “non dirotti eccessivamente i costi verso le componenti fisse della bolletta per non colpire il fotovoltaico, la cogenerazione e il risparmio energetico”. L’ipotesi che più si avvicina alle richieste di ANIE Energia, Italia solare e Confartigianato sarebbe, per l’autoproduzione, la B3, in cui “la parte variabile del costo della bolletta, proporzionale all’energia prelevata, è dell’83,73%. Altre opzioni valide sono la C in cui la quota si ferma al 73,74% e la B2, in cui la parte variabile si attesta al 67,46%”, al contrario dell’ipotesi A, in cui la quota variabile è solo del 39, 92%, dati confermati anche dal rapporto presentato dal  Quotidiano Energia Enrico Quintavalle, responsabile Ufficio Studi Confartigianato .

Article Categories:
Italia Rinnovabile

Comments are closed.

Menu Title