Rinnovabili vere e false: Fotovoltaico e eolico contro bioetanolo

Written by

di Ugo Bardi

Rinnovabili vere e false: Fotovoltaico e eolico contro bioetanolo

E’ sempre un divertimento sbugiardare le fesserie degli anti-rinnovabilisti. Questa del fatto che le rinnovabili come il fotovoltaico o l’eolico “occupano troppo spazio” è forse la più gettonata, nonostante sia stata sbugiardata in varie salse molte volte. Però non è completamente falsa quando applicata a cosiddette “rinnovabili” che poi non lo sono, come il bioetanolo.

Così, ecco alcuni dati relativi al caso degli USA (da “Jo Abbess“). La figura si spiega da sola ma, per chi proprio non mastica l’inglese, mostra le aree necessarie per produrre il 100% dell’energia necessaria per i veicoli su strada. Notate gli infinitesimali pallini relativi al fotovoltaico e al vento (e notate che negli USA, i veicoli su strada sono tanti e consumano parecchio). Notate anche le enormi aree relative all’etanolo che, vale la pena di ripeterlo, NON è una buona idea e NON è neanche rinnovabile dato che per produrlo si usa carbone per la distillazione e petrolio per i fertilizzanti.

Se poi voleste ingrandire queste aree a rappresentare tutto il consumo di energia negli USA, dovreste moltiplicare circa per tre. I pallini per il FV e per il “piede” del vento rimangono infinitesimali, mentre le aree necessarie per l’etanolo si allargano a coprire praticamente tutta l’area degli States.

Insomma, le rinnovabili vere (fotovoltaico e eolico) non occupano assolutamente troppo spazio. Per le rinnovabili finte (etanolo), invece, vale il principio che o si mangia o si riempie il serbatoio della SUV. A voi la scelta.

Articolo Originale

Article Tags:
Article Categories:
Energy News

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title