Scoperto il genoma completo della patata. Gli ogm ringraziano

Written by
img1

Quello che vedete in foto non è un gene, una parte di un dna. E’ un verme. Per la precisione un nematode che attacca le radici della patata facendo strage di tuberi. Potrebbe avere i giorni contati. L’Enea, infatti, rende noto che il Potato Genome Sequencing Consortium (PGSC, 29 enti di ricerca, Enea compreso) ha appena terminato la mappatura completa del dna della patata. Notizia molto importante, tanto da finire in prima pagina su “Nature”.

Cosa ne faranno del dna della patata? L’Enea non rilascia molti dettagli in merito:

Ora che il genoma della patata è stato svelato, gli esperti potranno usarlo per attività di “miglioramento genetico assistito”, accelerando la produzione di varietà più resistenti alle malattie, più produttive e nutrienti delle attuali, e riducendo i tempi per il loro rilascio, che si aggirano oggi intorno ai 10-12 anni

Il che non vuol dire molto, perché il miglioramento genetico lo puoi fare sia incrociando solo le patate con i geni migliori (una sorta di eugenetica della patata, ma senza ogm), sia intervenendo fisicamente sul dna per modificarlo e creare un organismo geneticamente modificato a tutti gli effetti.

La rivista Nature, al contrario, offre qualche dettaglio in più:

Le possibilità di migliorare la patata attraverso la coltivazione “marker assisted” e attraverso la modificazione genetica potrebbero rendere la patata un’ottima alternativa alla coltura di graminacee, specialmente nei paesi in via di sviluppo

Il PGSC, tra l’altro, non smentisce affatto le tentazioni ogm:

Il Potato Genome Sequencing Consortium cerca di fornire risorse alla ricerca sulla patata e alla comunità dei coltivatori, permettendo che si realizzi il completo potenziale di miglioramento di questa pianta basato sulla biotecnologia

A ben pensarci, poi, lo stesso Enea ammette che il gruppo di lavoro che ha contribuito alla mappatura del dna della patata è composto dalle stesse persone che, pochi anni fa, crearono la “Golden potato”: un tubero ogm con livelli di provitamina A 3.600 volte più elevati che nei tuberi normali, pari alla razione giornaliera consigliata in appena 250 grammi di prodotto.

Via | Enea, PGSC, Nature
Foto | Flickr

Scoperto il genoma completo della patata. Gli ogm ringraziano é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 16:53 di lunedì 11 luglio 2011.


Fonte Articolo

Article Categories:
Energy News

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title