Soluzioni per il fotovoltaico intermittente

Written by
intermittenza-fotovoltaico.

Prosegue la rincorsa alle energie rinnovabili per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Molte grandi aziende stanno investendo nel fotovoltaico installando impianti solari sui loro tetti.
Uno dei limiti più grandi delle energie rinnovabili è la generazione di energia elettrica ad intermittenza.

I pannelli solari producono corrente solamente durante le ore di luce e inoltre dipendono molto dalle condizioni climatiche e da altri fattori ai quali sono esposti come ad esempio la salsedine nelle zone di mare.

La stessa cosa vale per l’energia eolica: la velocità del vento cambia durante le stagioni.
Per questo motivo sono sempre più necessari dei sistemi che sono in grado di accumulare l’energia prodotta.

Questo scenario potrebbe cambiare con l’introduzione di nuovi approcci per integrare al meglio le fonti energetiche alla rete.

•Intelligent demand response: a Boston l’EnerNOC è leader nei sistemi intelligenti di gestione dell’energia. In Nord America e nel Regno Unito ha installato oltre 10.000 software per la gestione dell’energia, in supermercati, edifici commerciali, università ed enti governativi. Ognuno di questi software è collegato all’ EnerNOC’s Network Operations Center. L’Op Center monitora costantemente la domanda e l’offerta energetica a agli impianti installati. Quando c’è un aumento della domanda, indicato da un abbassamento di frequenza o di tensione nella fornitura, il network ops center contatta i suoi utenti e li sollecita a ridurre la domanda energetica ad esempio esortandoli a spegnere l’aria condizionata, a ridurre l’illuminazione dei reparti o a mettere in stand-by i generatori. Questo tipo di gestione consente nel tempo di prevenire le interruzioni di corrente. E’ utile anche ad evitare di tenere una “spinning reserve” di generazione di energia online. Per usufruire di questo servizio di gestione della domanda le utility devono pagare.

•Micro-inverters and Maximum Power point Trackers: i pannelli solari producono corrente continua che deve essere trasformata in corrente alternata tramite un inverter elettronico di potenza. Nei tradizionali impianti fotovoltaici, ciascun modulo è collegato ad un singolo inverter che è collegato alla rete. Il problema è che se avviene qualche danno ad un pannello questo influenzerà l’intero sistema. Anche la riduzione della potenza di un unico modulo può determinare la chiusura dell’intero impianto così come l’ombreggiatura data dalle nuvole può influenzare la resa energetica. L’Inverter Micro può risolvere questo problema: l’inverter in questo caso sarà installato sul retro di ogni singolo pannello solare in modo che ognuno è collegato alla rete singolarmente. Nei sistemi dove gli inverter Micro sono stati installati è stato osservato un aumento dell’efficienza di oltre il 20%. L’unico svantaggio è in termini economici: questi inverter sono costosi. Un prodotto che può essere utilizzato in sinergia a questi inverter è il Maximum Power Point Tracker (MPPT): un sistema di monitoraggio per ogni modulo, in questo modo la potenza di uscita da ciascun pannello è massimizzata per un aumento complessivo della produzione di energia.

Fonte originale dell’articolo

Article Categories:
Energy News

Comments are closed.

Menu Title